06.03.2013 / 10:09

INTESA SAN PAOLO: il 12 marzo p e 22 aprile 2 giorni chiave.

In attesa dei conti e dell’assemblea
Intesa SanPaolo è già proiettata al prossimo 12 marzo quando
presenterà i conti dell’esercizio 2012, che a livello di redditività
dovrebbero essere in linea con quelli del 2011. L’altro appuntamento
chiave è fissato per il 22 aprile, quando l’assemblea
degli azionisti dovrà rinnovare i Consigli del principale gruppo
bancario italiano. L’Ad Enrico Cucchiani, come fatto capire
dal presidente della Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti,
dovrebbe essere riconfermato alla guida del gruppo. L’istituto
si presenta al test dei conti con risultati a fine settembre 2012
in chiaroscuro: nel terzo trimestre gli utili si sono attestati a 414
milioni di euro, in calo dell’11,9% rispetto al periodo luglio-settembre
e del 21,4% su base annua, mentre il Core Tier 1 è migliorato
all’11,1 per cento. Sui conti del 2012 peserà la recente
svalutazione della quota in Telco, la holding che controlla
Telecom Italia, che dovrebbe avere un impatto di 100 milioni
lordi. A livello di azionariato, nei giorni scorsi Credit Agricole
ha azzerato la sua quota nella banca guidata da Cucchiani e,
tra gli altri potenziali venditori, figura anche Ubi Banca.


Titolo tira il freno dopo il grande rimbalzo
A Piazza Affari Intesa SanPaolo ha dovuto affrontare nell’ultimo
mese l’incertezza prima e dopo le elezioni. Da inizio anno
il titolo ha ceduto circa il 12%, rallentando la corsa dopo il
vigoroso rimbalzo messo a segno dai minimi di luglio 2012.
La banca si appresta ad affrontare i prossimi mesi con livelli
patrimoniali soddisfacenti e con gli obiettivi di approvvigionamento
di liquidità per il 2013 già raggiunti. Intesa è inoltre
impegnata in un piano di riduzione dei costi operativi, che
entro il 2015 prevede circa 6.000 esuberi. Infine, per quanto
riguarda il dividendo, quest’anno le attese sono per una somma
almeno pari ai 5 centesimi del precedente esercizio.

FONTE: RBS