27.06.2013 / 12:11

ATLANTIA: frena il rialzo a causa del traffico in calo e fusione con gemina

Alle prese con traffico in calo e fusione con Gemina
Il difficile momento dell’economia italiana si traduce per Atlantia
in un calo del traffi co autostradale. Nel primo trimestre del
2013 la flessione del traffico sulla rete autostradale è stata
pari al 2,6%, un calo che risulta comunque più contenuto
rispetto al 2012 anche se “non siamo ancora fuori dalla crisi”,
ha spiegato l’Ad Giovanni Castellucci. Il persistere della
recessione nel Belpaese potrebbe determinare per l’esercizio
in corso un calo contenuto dei risultati operativi in Italia, mentre
la società che fa capo alla famiglia Benetton si attende un
contributo crescente delle attività all’estero. Queste ultime nei
primi tre mesi dell’anno hanno visto una crescita del traffico
pari al 4% e nel corso dei prossimi tre anni contribuiranno al
30% dell’Ebitda complessivo del gruppo. L’altro fronte caldo
è la fusione con Gemina, la società che gestisce gli Aeroporti
di Roma. I soci delle due società dovrebbero tornare a riunirsi
per rivedere i termini dell’operazione dopo la scoperta di un
contenzioso tra il ministero dell’Ambiente e Atlantia da circa
800 milioni di euro. Il problema è legato ai lavori alla variante
di Valico sugli Appennini tra la Toscana e l’Emilia.


Titolo in deciso rialzo nell’ultimo anno
A Piazza Affari Atlantia ha guadagnato circa 30 punti percentuali
nell’ultimo anno, ma nell’ultimo mese ha tirato il freno
allontanandosi dai massimi di metà maggio. Con lo sbarco
nel business degli aeroporti nascerà un gruppo con un
Ebitda superiore ai 2,9 miliardi di euro nel 2013. Sul contenzioso
con il ministero dell’Ambiente, gli esperti nominati da
Gemina hanno comunque escluso la necessità di modificare
il concambio della fusione (9 azioni Gemina per ogni azione
Atlantia). Atlantia si conferma uno dei maggiori investitori in
Europa con oltre 21 miliardi di euro di investimenti in corso.

Fonte: RBS