19.06.2014 / 20:48

IL PUNTO MACRO DI ZEYGOS

Latam Cile: Nel primo trimestre 2014 il paese ha fatto registrare una crescita del 2,6% annualizzato, praticamente invariata rispetto al 2,7% del trimestre precedente. Dal punto di vista settoriale, si registra una debolezza dell’attività economica proveniente da tutti i settori, ad eccezione dell’agricoltura, cresciuta del 7,1% ed in marcata accelerazione rispetto al +1,1 del trimestre precedente. Il settore dei servizi ha fatto registrare un rallentamento, passando dal +3,7 dell’ultimo quarto 2013 a +3,1% del primo trimestre 2014. Il settore mining, tipicamente “export driven”, continua il suo trend ribassista e nell’ultimo trimestre fa registrare un incremento di appena lo 0,2% (+2,1% nel trimestre precedente). In contrazione anche il settore delle utilities che, dopo il +10,3 dell’ultimo trimestre 2013, fa registrare un incremento del 2,3%. Il settore manifatturiero e delle costruzioni hanno mostrato invece leggeri segnali di recupero, crescendo rispettivamente dello 0,1% e 1,3%, livelli più elevati rispetto a quanto registrato nel trimestre precedente. Dal punto di vista della domanda, continua la discesa degli investimenti (-5%), uno dei fattori principali dell’attuale rallentamento dell’attività economica del paese. Il consumo totale rallenta al 4,4% (+4,6% nel trimestre precedente), a causa della moderazione nel consumo privato, sceso a +3,7%. In rialzo invece la spesa pubblica (+9,6%). Per la prima volta dal 2009, l’impatto della domanda domestica sul PIL è stato negativo. Il contributo delle esportazioni nette si è invece rivelato positivo, grazie ad un incremento dell’export del 5,7% ed un calo del 3,6% dell’import. Colombia: Nel mese di Marzo le vendite al dettaglio hanno fatto registrare un incremento dell’8,3% su base annua, superiore rispetto al 6,2% atteso dal consensus. Molto positiva anche la rilevazione riguardante la produzione industriale del settore manifatturiero, in crescita del 9,8% annualizzato contro attese del consensus pari a +8%. Per la prima volta da novembre 2012, la produzione industriale torna ad un livello positivo nel bilancio a 12 mesi. Tali rilevazioni sono a supporto di una crescita del PIL reale del 5,1% su base annua per il primo trimestre 2014. Inoltre, la ripresa della congiuntura potrebbe favorire un ulteriore restringimento della politica monetaria da parte della banca centrale nei prossimi mesi. Sul fronte occupazionale tuttavia, si registra una discesa ulteriore degli occupati nel settore retail e nel settore manifatturiero, anche se in misura meno marcata rispetto a quanto registrato in precedenza.