25.06.2014 / 20:23

ILPUNTO MACRO DI ZEYGOS

Metalli Industriali View: Moderatamente Positiva Rame Nel corso del mese di maggio il prezzo del rame ha intrapreso una fase rialzista, che ha determinato il superamento dei 7000 dollari la tonnellata, livello massimo degli ultimi tre mesi. Il rialzo è stato determinato dalla progressiva riduzione delle giacenze di catodi nei magazzini ufficiali: complessivamente, le scorte si sono attestate al di sotto delle 300000 tonnellate, di cui 176000 all’Lme (livello minimo dal 2008), 97 mila allo Shanghai Futures Exchange e 15000 al Comex di New York. Il calo delle scorte è iniziato circa un anno fa, quando all’Lme le scorte ammontavano a 650000 tonnellate. Da allora il rame in uscita è stato consegnato principalmente nei magazzini doganali cinesi, legato ad accordi di finanziamento, e in magazzini privati per il venir meno della competitività dei magazzini Lme dopo che lo scorso luglio erano state variate le regole sui tempi di uscita, mentre ulteriori acquisti sono stati destinati al consumo grazie alla ripresa della domanda in occidente. Il ribasso delle scorte sta causando una fase di backwardation nel mercato del rame, ossia di una situazione in cui il prezzo cash è più elevato rispetto al prezzo per consegna futura. Tale situazione, assieme ai maggiori acquisti provenienti dalla Cina, può essere interpretato come un incremento della domanda al consumo che può a sua volta tradursi come un segnale di stabilità nei fondamentali. Se la situazione dell’economia globale nei prossimi mesi dovesse confermare la ripresa prevista, potrebbe aprirsi un nuovo scenario rialzista per il mercato del rame.