16.12.2014 / 13:50

IL PUNTO MACRO DI ZEYGOS

In USA come in Europa, in Giappone, in UK e in Cina, lo scenario è dettato dalle mosse future della FED. Tuttavia, al contrario di quanto accade in Giappone e in Europa, l’economia USA è in fase espansiva. Questo fa si che le reazione dei mercati possano essere negative (azioni in ribasso e rendimenti dei bond in rialzo) qualora la crescita si surriscaldi troppo facendo temere l’implementazione anticipata di manovre di tipo restrittivo. Altro tema che sicuramente impatterà il mercato USA è quello del petrolio. Eventuali ulteriori ribassi del petrolio avranno un impatto negativo sulle azioni del comparto ma soprattutto sui bond emessi dalle società specializzate nell’estrazione dello Shale Oil. Eventuali allargamenti degli spread del credito per queste società potrebbero avere un impatto molto negativo su tutto il comparto dei titoli high yield con effetto a cascata anche sul comparto dei titoli investment grade.