18.01.2015 / 12:58

IL PUNTO MACRO DI ZEYGOS

Lo scenario in USA è dettato dal trade off tra dati macro e decisioni della FED. Mentre i primi continuano a dare segnali di riscaldamento del ciclo macro a beneficio della crescita e a sostegno della borsa, la FED è alle prese con la definizione del timing, ma soprattutto del «pace» del processo di rialzo. Sarà quest’ultimo, infatti, a dettare le regole del gioco. Quanto più esso sarà lento e coordinato con i dati macro, quanto più gli effetti sui mercati saranno impercettibili. Al contrario manovre tempestive ed improvvise rese necessarie da un eccessivo riscaldamento dell’economia USA e soprattutto dell’inflazione, potrebbero portare a delle reazioni negative sia sul mercato dei bond che su quello azionario.